Sciacalli addosso al SIM

Caso unico nella storia, i nostri reggitori dell'epoca hanno permesso che venissero messi in piazza il funzionamento e l'attività di un proprio organo informativo militare, un Servizio che dovrebbe essere, sempre e ovunque, segreto. In questo memoriale il generale Mario Roatta dà la sua versione sul processo avviato nel 1944 dall'"Alto Commissariato per le sanzioni contro il fascismo" che lo vide alla sbarra per l'omicidio dei fratelli Rosselli e altre azioni di natura "terroristica" compiuti dal S.I.M., l'intelligence militare, durante la sua direzione. La difesa di Roatta, dapprima condannato all'ergastolo e poi assolto dalla Cassazione, è un importante documento storico che consente di ripercorrere non solo le attività e l'organizzazione del Servizio Informazioni Militari negli anni precedenti il Secondo conflitto mondiale, ma anche di comprendere il clima da resa dei conti in cui si svolse il processo. La prima parte del testo è dedicata alla spiegazione dell'organizzazione del S.I.M. che, scrive, "non si occupava di questioni politiche". La seconda, invece, si apre con l'arresto del generale e porta il lettore nel vivo dei mesi cruciali del processo, alternando le cronache del dibattimento - dove l'accusa era sostenuta da Mario Berlinguer - con il racconto della detenzione e della fuga sulla quale commenta l'autore: "infinite cretinerie sono state scritte". E nella terza parte spiega com'è andata.

Brossura, 14 x 21 cm. pag. 432

Stampato nel 2018 da Mursia
sciacalli

Prezzo:
Prezzo di vendita: 22,00 €
48h.gif
Descrizione

Mario Roatta

Caso unico nella storia, i nostri reggitori dell'epoca hanno permesso che venissero messi in piazza il funzionamento e l'attività di un proprio organo informativo militare, un Servizio che dovrebbe essere, sempre e ovunque, segreto. In questo memoriale il generale Mario Roatta dà la sua versione sul processo avviato nel 1944 dall'"Alto Commissariato per le sanzioni contro il fascismo" che lo vide alla sbarra per l'omicidio dei fratelli Rosselli e altre azioni di natura "terroristica" compiuti dal S.I.M., l'intelligence militare, durante la sua direzione. La difesa di Roatta, dapprima condannato all'ergastolo e poi assolto dalla Cassazione, è un importante documento storico che consente di ripercorrere non solo le attività e l'organizzazione del Servizio Informazioni Militari negli anni precedenti il Secondo conflitto mondiale, ma anche di comprendere il clima da resa dei conti in cui si svolse il processo. La prima parte del testo è dedicata alla spiegazione dell'organizzazione del S.I.M. che, scrive, "non si occupava di questioni politiche". La seconda, invece, si apre con l'arresto del generale e porta il lettore nel vivo dei mesi cruciali del processo, alternando le cronache del dibattimento - dove l'accusa era sostenuta da Mario Berlinguer - con il racconto della detenzione e della fuga sulla quale commenta l'autore: "infinite cretinerie sono state scritte". E nella terza parte spiega com'è andata.

Brossura, 14 x 21 cm. pag. 432

Stampato nel 2018 da Mursia

VATERLAND S.A.S di Alberto Manca & C. - sede legale: Solarussa ( OR ) via Azuni 21 CAP. 09077 - partita IVA 01152870950 - REA 134686
MOAI Studio Milano
Joomla template freaks