The Italian Army In North Africa - A Poor Fighting Force or Doomed by Circumstance

Il volume apporta delle analisi inedite delle modalità con cui hanno combattuto gli Italiani in Nord Africa e il ruolo svolto nell'ambito del Deutsches Afrika Korps. Seppur, spesso mal comandato, il soldato italiano dide prove di grande coraggio. Lo stesso Rommel, la "Volpe del Deserto" ebbe a dire: "Il soldato tedesco ha impressionato il mondo, tuttavia, il soldato italiano ha impressionato il soldato tedesco. Le Divisioni italiane del Littorio e Ariete, seppur dotate di mezzi inferiori a quelli tedeschi e degli stessi anglo-americani, conquistarono l'ammirazione degli Alleati a Tobruk, Gazala ed EI Alamein. Una analisi insolita da parte inglese che spesso tende a screditare l'operato degli italiani in guerra.

Rilegato, 15,5 x 23,5 cm. pag. 192 illustarto con circa 34 foto b/n

Testo in lingua inglese

Stampato nel 2018 da Fonthill Media
italian1

Prezzo:
Prezzo di vendita: 29,00 €
ordinazione.gif
Descrizione

Walter S. Zapotoczny

Il volume apporta delle analisi inedite delle modalità con cui hanno combattuto gli Italiani in Nord Africa e il ruolo svolto nell'ambito del Deutsches Afrika Korps. Seppur, spesso mal comandato, il soldato italiano dide prove di grande coraggio. Lo stesso Rommel, la "Volpe del Deserto" ebbe a dire: "Il soldato tedesco ha impressionato il mondo, tuttavia, il soldato italiano ha impressionato il soldato tedesco. Le Divisioni italiane del Littorio e Ariete, seppur dotate di mezzi inferiori a quelli tedeschi e degli stessi anglo-americani, conquistarono l'ammirazione degli Alleati a Tobruk, Gazala ed EI Alamein. Una analisi insolita da parte inglese che spesso tende a screditare l'operato degli italiani in guerra.

Rilegato, 15,5 x 23,5 cm. pag. 192 illustarto con circa 34 foto b/n

Testo in lingua inglese

Stampato nel 2018 da Fonthill Media

VATERLAND S.A.S di Alberto Manca & C. - sede legale: Solarussa ( OR ) via Azuni 21 CAP. 09077 - partita IVA 01152870950 - REA 134686
MOAI Studio Milano
Joomla template freaks