I rifugi antiaerei di Torino

Con la fine della Seconda Guerra Mondiale buona parte dei rifugi antiaerei costruiti per proteggere i civili dai bombardamenti vennero chiusi per motivi di sicurezza e smantellati per il recupero dei materiali utili in un piano di ricostruzione generale. Il loro ricordo diventò sempre più lontano nel tempo e nella memoria, e solo le testimonianze di chi visse gli anni di guerra, i lavori di trasformazione delle città e i documenti d'archivio hanno dato la possibilità di riscoprire, a distanza di decenni, alcune di queste strutture ipogee considerate perdute. Il libro analizza quanto messo in atto nella città di Torino dalle autorità sin dai primi anni Trenta in merito all'apprestamento dell'impianto dei ricoveri antiaerei, uno dei pilastri sui quali poggiava l'intero sistema per la protezione della popolazione contro i bombardamenti. Un'attenta analisi descrive le diverse categorie di opere protettive, le disposizioni per il loro allestimento e l'aggiornamento dei parametri di sicurezza sotto un profilo storico-tecnico, mettendo a confronto la documentazione d'archivio con le strutture studiate e rilevate ancora oggi presenti nel sottosuolo della Città.

Brossura, 15 x 21 cm. pag. 310 con numerose foto e disegni tecnici b/n

Stampato nel 2018 da Persiani
rifugi8

Prezzo:
Prezzo di vendita: 15,90 €
ordinazione.gif
Descrizione

Paolo Bevilacqua - Marzia Gallo

Con la fine della Seconda Guerra Mondiale buona parte dei rifugi antiaerei costruiti per proteggere i civili dai bombardamenti vennero chiusi per motivi di sicurezza e smantellati per il recupero dei materiali utili in un piano di ricostruzione generale. Il loro ricordo diventò sempre più lontano nel tempo e nella memoria, e solo le testimonianze di chi visse gli anni di guerra, i lavori di trasformazione delle città e i documenti d'archivio hanno dato la possibilità di riscoprire, a distanza di decenni, alcune di queste strutture ipogee considerate perdute. Il libro analizza quanto messo in atto nella città di Torino dalle autorità sin dai primi anni Trenta in merito all'apprestamento dell'impianto dei ricoveri antiaerei, uno dei pilastri sui quali poggiava l'intero sistema per la protezione della popolazione contro i bombardamenti. Un'attenta analisi descrive le diverse categorie di opere protettive, le disposizioni per il loro allestimento e l'aggiornamento dei parametri di sicurezza sotto un profilo storico-tecnico, mettendo a confronto la documentazione d'archivio con le strutture studiate e rilevate ancora oggi presenti nel sottosuolo della Città.

Brossura, 15 x 21 cm. pag. 310 con numerose foto e disegni tecnici b/n

Stampato nel 2018 da Persiani

VATERLAND S.A.S di Alberto Manca & C. - sede legale: Solarussa ( OR ) via Azuni 21 CAP. 09077 - partita IVA 01152870950 - REA 134686
MOAI Studio Milano
Joomla template freaks