SAS in Italy 1943-1945 - Raiders in Enemy Territory

Questo libro delinea la storia della forza speciale d'élite britannica in Italia durante la Seconda Guerra Mondiale. Nell'estate del 1943 i SAS lasciarono il teatro africano africano per combattere i Tedeschi e gli italiani, proprio sul suolo italico. Il reparto venne costituito in Africa del Tenente dello Scots Guards, David Stirling, che all'atto dell'armistizio dell'8 settembre 1943, si trovava nel campo di prigionia di alta sicurezza di guerra di Gavi in Piemonte, nel nord-ovest dell'Italia, dopo essere stato catturato a gennaio nel Tunisia. Dopo l'8 settembre venne destinato come prigioniero al castello di Colditz in Germania, ma, la sua idea di costituire piccoli reparti di soldati specializzati per colpi di mani e azioni di sabotaggio, andò avanti a cura dello Stato Maggiore inglese. L'idea di piccoli gruppi di soldati addestrati al lancio con il paracadute che operavano dietro le linee nemiche per ottenere informazioni, distruggere aerei nemici e attaccare le loro vie di rifornimento e rinforzo, venne portata avanti nelle molte audaci missioni effettuate in Italia dagli uomini del 2 ° Reggimento SAS. Il famoso motto del SAS di "Who dares wins" è stato rapidamente tradotto in italiano "Chi osa vince". Questo libro rivela come le parole sono state trasformate in azioni.

Rilegato, 15,5 x 23 cm. pag. 208 illustrato con circa 14 foto b/n

testo in lingua inglese

Stampato nel 2018 da Fonthill Media
sas1

Prezzo:
Prezzo di vendita: 29,00 €
ordinazione.gif
Descrizione

Malcolm Tudor

Questo libro delinea la storia della forza speciale d'élite britannica in Italia durante la Seconda Guerra Mondiale. Nell'estate del 1943 i SAS lasciarono il teatro africano africano per combattere i Tedeschi e gli italiani, proprio sul suolo italico. Il reparto venne costituito in Africa del Tenente dello Scots Guards, David Stirling, che all'atto dell'armistizio dell'8 settembre 1943, si trovava nel campo di prigionia di alta sicurezza di guerra di Gavi in Piemonte, nel nord-ovest dell'Italia, dopo essere stato catturato a gennaio nel Tunisia. Dopo l'8 settembre venne destinato come prigioniero al castello di Colditz in Germania, ma, la sua idea di costituire piccoli reparti di soldati specializzati per colpi di mani e azioni di sabotaggio, andò avanti a cura dello Stato Maggiore inglese. L'idea di piccoli gruppi di soldati addestrati al lancio con il paracadute che operavano dietro le linee nemiche per ottenere informazioni, distruggere aerei nemici e attaccare le loro vie di rifornimento e rinforzo, venne portata avanti nelle molte audaci missioni effettuate in Italia dagli uomini del 2 ° Reggimento SAS. Il famoso motto del SAS di "Who dares wins" è stato rapidamente tradotto in italiano "Chi osa vince". Questo libro rivela come le parole sono state trasformate in azioni.

Rilegato, 15,5 x 23 cm. pag. 208 illustrato con circa 14 foto b/n

testo in lingua inglese

Stampato nel 2018 da Fonthill Media

VATERLAND S.A.S di Alberto Manca & C. - sede legale: Solarussa ( OR ) via Azuni 21 CAP. 09077 - partita IVA 01152870950 - REA 134686
MOAI Studio Milano
Joomla template freaks