Antisnobismo

Queste pagine videro frammentariamente la luce tra l'autunno del 1927 e la primavera del '28 sulle colonne dell'"Impero" e di "Brillante". In quest'ultimo giornale si firmava "nob", che voleva dire il "contrario di snob". Le sue manie riformatrici lo fecero giudicare un perditempo petulante. Ma le polemiche, discussioni e allarmi suscitati dalle sue tesi innovatrici significano che l'argomento è sentito. La gazzarra dell'interesse e della vociferazione toccò lo zenit al tempo della campagna sulla "Mondanità dell'epoca fascista", che diede luogo a sfide, duelli, scandali e proteste. La socità italiana fu messa in subbuglio da questi scritti e si arrivò a credere e a dire che Mussolini fosse l'ispiartore della campagna. Cosa falsissima e inverosimile, che tuttavia aveva questo piccolo fondamento: che, trattandosi di una campagna moralizzatrice e fascistizzatrice, il Capo del Governo non aveva alcun motivo di deplorarla e vietarla. Dalla prefazione di Claudio Siniscalchi.

Brossura 13 x 19 cm. pag. 167

Stampato nel 2020 da Aspis
antisnobbismo

Prezzo:
Prezzo di vendita: 22,00 €
ordinazione.gif
Descrizione

Mario Carli

Queste pagine videro frammentariamente la luce tra l'autunno del 1927 e la primavera del '28 sulle colonne dell'"Impero" e di "Brillante". In quest'ultimo giornale si firmava "nob", che voleva dire il "contrario di snob". Le sue manie riformatrici lo fecero giudicare un perditempo petulante. Ma le polemiche, discussioni e allarmi suscitati dalle sue tesi innovatrici significano che l'argomento è sentito. La gazzarra dell'interesse e della vociferazione toccò lo zenit al tempo della campagna sulla "Mondanità dell'epoca fascista", che diede luogo a sfide, duelli, scandali e proteste. La socità italiana fu messa in subbuglio da questi scritti e si arrivò a credere e a dire che Mussolini fosse l'ispiartore della campagna. Cosa falsissima e inverosimile, che tuttavia aveva questo piccolo fondamento: che, trattandosi di una campagna moralizzatrice e fascistizzatrice, il Capo del Governo non aveva alcun motivo di deplorarla e vietarla. Dalla prefazione di Claudio Siniscalchi.

Brossura 13 x 19 cm. pag. 167

Stampato nel 2020 da Aspis

VATERLAND S.A.S di Alberto Manca & C. - sede legale: Solarussa ( OR ) via Azuni 21 CAP. 09077 - partita IVA 01152870950 - REA 134686
MOAI Studio Milano
Joomla template freaks