Vickers Guide - Ak Kalashnikov. Vol. 2

Con una storia che risale agli ultimi mesi della Seconda Guerra Mondiale, l'Atomat Kalashnikova Model 1947, o AK-47, come doveva essere conosciuto, "iniziò" una trasformazione del campo di battaglia che dura fino ai nostri giorni, mutando profondamente la capacità di fuoco del semplice fante. Il suo design, semplice ma robusto, ha permesso all'AK-47 di funzionare in modo efficace praticamente in qualsiasi ambiente e nelle mani degli operatori con poca o nessuna preparazione. Promosso durante la Guerra Fredda come arma dei "movimenti di liberazione", strumento essenziale e funzionale al rovesciamento dei governi colonialisti e capitalisti, l'AK-47 (insieme alla sua tecnologia e strumentazione di base) doveva diventare l'arma più esportata, in assoluto, dell'Unione Sovietica. È interessante notare che la produzione "base" dell'AK-47 ebbe una durata relativamente breve, poiché molto rapidamente subì un numero crescente di modifiche al design. Nel 1959, la versione "modernizzata" di questo fucile nacque sotto forma di AKM e questa piattaforma avrebbe continuato ad evolversi nell'Unione Sovietica e nelle mani dei diversi costruttori nei paesi del Patto di Varsavia e oltre. Questo secondo, di due volumi, analizza in particolare la ricerca, che parti già nell'immediato dopoguerra, di un calibro meno performante rispetto a quello utilizzato dai fucili semiautomatici, che ebbe nel munizionamento utilizzato dallo StG 44 e dall'AK 47 (!!!) gli esempi migliori. Qualche decennio più tardi si decise di puntare su un calibro inferiore al 7.62 NATO e al 7.62 X 39 sovietico. Nel mondo occidentale questa tendenza portò all'adozione del 5.56 X 45, il cui utilizzo perdura ancora oggi, nonostante si stiano sperimentando calibri altrenativi, un po in tutti i paesi. Per svfiluppare questo progetto editoriale, Larry Vickers e James Rupley hanno riunito un team internazionale di esperti in materia, tra cui Ian McCollum di Forgotten Weapons e Rob Stott di The AK-47 Catalog, e hanno percorso
vickers22
vickers221
vickers222
vickers223
vickers224

Price:
Sales price: 125,00 €
48h.gif
Description

Larry Vickers - James Rupley - Ian McCollum - Rob Stot

Con una storia che risale agli ultimi mesi della Seconda Guerra Mondiale, l'Atomat Kalashnikova Model 1947, o AK-47, come doveva essere conosciuto, "iniziò" una trasformazione del campo di battaglia che dura fino ai nostri giorni, mutando profondamente la capacità di fuoco del semplice fante. Il suo design, semplice ma robusto, ha permesso all'AK-47 di funzionare in modo efficace praticamente in qualsiasi ambiente e nelle mani degli operatori con poca o nessuna preparazione. Promosso durante la Guerra Fredda come arma dei "movimenti di liberazione", strumento essenziale e funzionale al rovesciamento dei governi colonialisti e capitalisti, l'AK-47 (insieme alla sua tecnologia e strumentazione di base) doveva diventare l'arma più esportata, in assoluto, dell'Unione Sovietica. È interessante notare che la produzione "base" dell'AK-47 ebbe una durata relativamente breve, poiché molto rapidamente subì un numero crescente di modifiche al design. Nel 1959, la versione "modernizzata" di questo fucile nacque sotto forma di AKM e questa piattaforma avrebbe continuato ad evolversi nell'Unione Sovietica e nelle mani dei diversi costruttori nei paesi del Patto di Varsavia e oltre. Questo secondo, di due volumi, analizza in particolare la ricerca, che parti già nell'immediato dopoguerra, di un calibro meno performante rispetto a quello utilizzato dai fucili semiautomatici, che ebbe nel munizionamento utilizzato dallo StG 44 e dall'AK 47 (!!!) gli esempi migliori. Qualche decennio più tardi si decise di puntare su un calibro inferiore al 7.62 NATO e al 7.62 X 39 sovietico. Nel mondo occidentale questa tendenza portò all'adozione del 5.56 X 45, il cui utilizzo perdura ancora oggi, nonostante si stiano sperimentando calibri altrenativi, un po in tutti i paesi. Per svfiluppare questo progetto editoriale, Larry Vickers e James Rupley hanno riunito un team internazionale di esperti in materia, tra cui Ian McCollum di Forgotten Weapons e Rob Stott di The AK-47 Catalog, e hanno percorso un numero record di miglia per visitare le collezioni negli Stati Uniti, Svizzera e Russia. Questi volumi della Vickers presentano una raccolta altamente curata di immagini relative al Kalashnikov, con particolari mai visti in precedenza, di grande formato e a colori. Questa guida della Vickers rappresenta uno strumento indispensabile per i collezionisti, innumerevoli, di questa magnifica arma.

Rilegato, 32,5 x 28 cm. pag. 352 completamente illustrato con foto a colori

Testo in lingua inglese

Stampato nel 2018 da Vickers

 

VATERLAND S.A.S di Alberto Manca & C. - sede legale: Solarussa ( OR ) via Azuni 21 CAP. 09077 - partita IVA 01152870950 - REA 134686
MOAI Studio Milano
Joomla template freaks